Alla fine ho deciso di non rispondergli più; sbaglierò, ma sono convinto che il Sig. Palacios non fosse così interessato alla mia bellissima moto.

Scherzi a parte si tratta ovviamente di una truffa. Il Sig. Palacios, sempre ammesso che esista, non vuole la mia moto, ma non vuole nemmeno l’auto di Tizio o il camper di Caio.

E’ semplicemente interessato al pagamento di questa fantomatica tassa del 10% per sbloccare il bonifico che ha ‘regolarmente’ emesso.

Tutte le immagini inviate, nonché quella del pagamento, nel mio caso, di 5000 € + 410 € sono taroccate e nemmeno tanto abilmente, a dire la verità. Anche il mio pagamento tramite le Poste Italiane è ovviamente taroccato, anche se devo riconoscere che é uscito proprio bene; non fosse stato per l’errore sulle cifre del conto MoneyGram credo mi sarei divertito di più a fargli controllare e ricontrollare i dati.

Non ho nemmeno risposto alle 25 telefonate che mi hanno fatto dalla Costa d’Avorio, anche se avrei voluto farlo, guisto per sentire cosa mi avrebbero detto, ma tutto sommato, meglio non esagerare, non si sa mai.

Purtroppo mi sono lasciato invogliare dal pagamento tramite bonifico, pagamento che, se effettuato, è sicuro al 100%.

L’unico rammarico è che ho fornito dati reali, almeno per il bonifico; la prossima volta di sicuro starò più attento.

Spero che vi siate divertiti a leggere questo blog, io e i miei colleghi ci siamo sbellicati a realizzarlo e a vivere giorno per giorno questa stravagante avventura a distanza.

Ciao e alla prossima vendita!

cz